Premio Aenaria - Citta' di Ischia | Il diavolo con le zinne di Dario Fo

Premio Aenaria - Citta' di Ischia | Il diavolo con le zinne di Dario Fo

Sabato 22 novembre ore 21.00 Omfalos (Falconara marittima) Il diavolo con le zinne di Dario Fo
Regia di Paola Seri
Pizzocca è la serva-perpetua, goffa e pettegola, di un giudice integerrimo che vuole scoprire le malefatte dei potenti della sua città.
Tre diavoli decidono di possedere il giudice per meglio corromperlo e distoglierlo in qualunque modo, dall’intento di giustizia al quale si è votato. Per un intreccio di situazioni ed incidenti invece di entrare nel corpo del giudice,  il diavolo incaricato della missione, si impossessa, senza rendersene conto, del corpo della serva. Il quiproquo manda all’aria il programma del capo-diavolo. Il testo va avanti in un crescendo di comicità, tra cardinali corrotti, falsi testimoni, serve, diavoli in supposta.
La scelta di mettere in scena “Il diavolo con le zinne”  trova le sue motivazioni nella volontà di approfondire le tecniche del teatro comico attraverso lo studio  dell’originale  linguaggio utilizzato da  Fo nello sviluppo scenico dei suoi testi teatrali. Ci interessa inoltre questo autore perché sa coniugare  l’analisi socio-politica con il linguaggio comico giullaresco caratteristico del teatro popolare italiano.
Ci piace l’idea di raccontare con ironia e leggerezza vizi e virtù della società contemporanea, perché in quasi vent’anni, la Commedia è stata scritta da Dario Fo nel 1997, la corruzione, i giochi di potere, le collusioni sono ancora presenti e dominanti  nella società.
I personaggi sono ispirati ai tipi fissi della Commedia dell’Arte: i diavoli sono degli Zanni; le servette Colombine furbe e maliziose; il Giudice Alfonso la rivisitazione del dottor Balanzone, il Cardinale Ambone è un Capitano ciarlatano, per finire con le guardie simpatici giullari. Il personaggio delle serva Pizzocca dovendo attraversare diverse dimensioni drammatiche, è il risultato della contaminazione di più generi teatrali. La scenografia è semplice ed efficace; attraverso l’uso di pochi elementi scenici grandi teli, pancali e parallelepipedi  di legno, organizzati in modi diversi, vengono via via evocati i vari ambienti: il salotto, la camera da letto, l’aula del tribunale. I cambi scena sono a vista e integrati nello sviluppo drammatico della Commedia.
Le musiche sono quasi tutte originali e accompagnano i personaggi sottolineando e amplificando la struttura drammaturgica.

Data Inizio Evento:  22/11/2014 | Data Fine Evento:  22/11/2014

Recapiti Telefonici: 3381516861
Email: info@premioaenaria.it
Sito Web: http://www.premioaenaria.it

Condividi