Il Contastorie giovedi' 25 settembre

Il Contastorie giovedi' 25 settembre

ore 10.30 - Villa Arbusto/Villa Gingerò, Lacco Ameno Alessandra Benini, C'era una volta Aenaria. Contributi dell'archeologia subacquea
Seguirà una visita agli scavi realizzati nella Baia di Cartaromana.
ore 18.30 - Villa Arbusto/Villa Gingerò, Lacco Ameno Guglielmo Tamburrini, Norbert Wiener e la cibernetica: verso un nuovo umanesimo tecnologico per il XXI secolo
ore 20.30 - Palazzo Reale, Ischia Oscar Wilde, La ballata del carcere di Reading Traduzione e adattamento di Elio De Capitani e Umberto Orsini / Musiche di Giovanna Marini
Recitata da Umberto Orsini / Cantata da Giovanna Marini
La ballata del carcere di Reading (The Ballad of Reading Gaol), uscì nel 1898, pochi mesi dopo la scarcerazione dello scrittore, e di quella dura esperienza è la testimonianza più tragica e intensa. Nel 1895 Oscar Wilde, in seguito a una causa per diffamazione da lui intentata al duca di Queesberry, fu a sua volta accusato di comportamento contrario alla morale pubblica e condannato a due anni di lavori forzati presso la prigione di Reading nel Berkshire. Qui fu testimone dell'impiccagione di Charles Thomas Wooldridge, un ufficiale diventato assassino della moglie. Quella morte suscitò in Wilde una profonda riflessione sulla sorte che può trasformare tutti in malfattori, sul bisogno di tutti di essere perdonati. La ballata è un lamento poetico in due tempi: l'impiccagione di un giovane detenuto, il rituale assurdo e feroce dell'esecuzione, e la meditazione, profondamente religiosa, sul male e la redenzione. Soprattutto sulla profonda indegnità della pena di morte. Proposto per la prima volta nel 2005 (al Festival AstiTeatro), con la regia di Elio De Capitani, lo spettacolo è stato di recente ripreso dalla Compagnia Umberto Orsini al Teatro Elfo Puccini di Milano.

Data Inizio Evento:  25/09/2014 | Data Fine Evento:  25/09/2014

Email: info@ilcontastorie.com
Sito Web: http://www.ilcontastorie.com

Condividi