Terme e Benessere sull'isola d'Ischia

103 sorgenti sparse su 42 km di superficie: l'isola d'Ischia ha un patrimonio idrotermale fra i più ricchi al mondo. Nel VII sec. a.C. le sue acque erano già conosciute ed apprezzate dai greci, i quali sfruttavano le innumerevoli sorgenti che impreziosivano il territorio per ritemprare il corpo e lo spirito. Le peculiarità terapeutiche delle sorgenti di Ischia trovano spazio già negli scritti di Plinio il Vecchio e di Strabone, dove vengono riportati i benefici delle acque termali dell'isola. Tuttavia, è con il medico calabrese Julio Jasolino che per la prima volta viene effettuata l'esatta catalogazione delle acque sorgive dell'isola. Oggi le cure termali, a seguito del riordino normativo del settore avvenuto nell'ottobre 2000, vengono equiparate ad una cura farmaceutica. Per questa ragione, alla stregua di un qualsiasi farmaco, hanno indicazioni terapeutiche precise, posologie mirate e controindicazioni.

Fonte - Comtur [Island of Naples]

Condividi