Forio le terme tra giardini e mare

Forio le terme tra giardini e mare

Le terme di Forio sono alimentate da acque clorurato-sodiche termali (tra i 28° e i 40°), indicate in particolare per la cura delle malattie del ricambio, respiratorie ed endocrinologiche. Tra le sorgenti più note c'è Citara: la sua splendida spiaggia già dai tempi dei greci era intitolata a Venere e Apollo, protettori della bellezza. Ed è proprio qui che affacciano i Giardini Poseidon, uno dei parchi termali più affascinanti dell'isola: oltre venti piscine immerse in circa 60.000 mq di verde. Un buon motivo per staccare la spina e cercare di "depurarsi" dallo stress cittadino. Da non mancare poi è la piccola, incantevole baia di Sorgeto, dove fonti termali e "fumarole" sgorgano in mare: fare il bagno nell'acqua marina calda anche in inverno è una esperienza indimenticabile. Se a questo si aggiunge che Forio, con le sue spiagge e le sue insenature dominate dai vigneti, i suoi ristoranti da gourmet, i casali contadini, le torri difensive e il "Bar Internazionale" (dove un tempo erano di casa scrittori e intellettuali) è il paese isolano che più di altri conserva pressocchè intatta la propria identità, i motivi per programmare una vacanza ci sono tutti.

Emblemi del luogo sono il Torrione, la più imponente delle numerose torri che "disegnano" il paesaggio di Forio, e il santuario del Soccorso, proteso sul mare, dove sono custoditi gli ex voto dei marinari scampati alle tempeste. Gli amanti del verde rimarranno incantati dal giardino esotico di villa La Mortella "firmato" dal famoso paesaggista Russel Page. Per lo shopping merita una sosta Ischia Termae: qui, dal 1892, si fabbricano cosmetici naturali che sfruttano le proprietà dell'argilla. E al tramonto, niente di più romantico di una passeggiata verso il Soccorso: dal piazzale della chiesa, chi è baciato dalla fortuna, potrà vedere il "raggio verde": per un fenomeno di rifrazione della luce, l'ultimo raggio di sole si colora di verde.

Fonte: Regione Campania Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali

Condividi



Articoli Correlati

  1. Il termalismo isolano nell'Ottocento

    Marone offrì ai suoi lettori informazioni storiche sull'isola d'Ischia, unitamente ad una descrizione della situazione sociale della popolazione.

  2. Ischia Terme e Benessere

    Nota anticamente come Villa dei Bagni,Ischia Porto,il comune più popoloso dell'isola,vanta molti centri termali annessi a piccoli e grandi alberghi.

  3. Buonopane e la fonte di Nitrodi a Barano d'Ischia

    Attraversata la piazza di Barano, dopo aver percorso una strada in salita tutta curve, si giunge a Buonopane, dove si trova la fonte di Nitrodi.

  4. L'argilla di Pithecusa, un biofarmaco di tremila anni fa

    I pithecusani avevano imparato ad utilizzare la creta e l'argilla per curare malattie e ritemprarsi nel corpo e nell'anima.

  5. Le sorgenti di Nitrodi e dell'Olmitello

    Nitrodi è stata scoperta in epoca romana quando si credeva che in questa parte dell'isola vivessero le Ninfe Nitrodie.

  6. Le Fumarole di Sant'Angelo

    Sono davvero particolari due sorgenti isolane: quella delle Fumarole di Sant´Angelo e quella di Sorgeto.

  7. Le acque minerali di San Montano sull'isola d'Ischia

    Alla falda occidentale del Monte di Vico scorre e rampolla l'acqua denominata di San Montano.

  8. La scoperta delle terme dell'isola d'Ischia

    Le virtù terapeutiche delle acque termali dell'isola d'Ischia erano in parte già note ai Greci e ai Romani.

  9. Terme e Benessere sull'isola d'Ischia

    L'isola d'Ischia ha un patrimonio idrotermale fra i più ricchi al mondo.

  10. Le acque di Cavascura nell'isola d'Ischia

    Le Acque termo-minerali di Cavascura sono conosciute fin dal periodo della colonizzazione Greca dell'isola d'Ischia.