Giorgio Buchner

Buchner nacque in Baviera da padre tedesco e madre italiana. Il padre Paolo, professore emerito di zoologia, scienziato di fama internazionale e grande studioso di endosimbiosi, era infatti sposato con Massimiliana Coppa, giovane e promettente pittrice veneta da lui conosciuta in Germania. I coniugi Buchner, assidui frequentatori dell'isola d'Ischia, vi si stabilirono definitivamente nel 1943, dopo che Paolo ebbe lasciato la sua cattedra a Lipsia. Il giovane Giorgio compì i suoi primi studi in Germania, al Gymnasium di Breslavia, poi a Lipsia, ma, dopo l'ascesa al potere di Hitler, decise di continuare gli studi in Italia, sfruttando la cittadinanza materna.

Uno scritto del 1890 di Julius Beloch

Anziché ripercorrere le orme del padre, come questi avrebbe desiderato, Giorgio, ancora studente di liceo, rimase affascinato da uno scritto del 1890 di Julius Beloch: a Lacco Ameno, sul versante settentrionale d'Ischia, erano stati rinvenuti numerosi reperti e nella Valle di San Montano erano state scoperte delle sepolture del V secolo; già Tito Livio raccontava che i Greci dell'Eubea, prima ancora di fondare Cuma si erano stabiliti sull'isola. Al tempo, però, nessun ritrovamento era in grado di dare credito a questa testimonianza: il giovane Buchner sentì questa sfida come un impegno e capì che da quel momento l'archeologia sarebbe stata la sua vita. Di lì la decisione di studiare lettere classiche a Napoli e successivamente a Roma, dove nel 1938 si sarebbe laureato in paletnologia con una tesi sulla preistoria e l'archeologia di Ischia dal titolo "Vita e dimora umana nelle Isole Flegree dalla preistoria ai tempi romani". Nel 1949 Buchner riuscì a farsi assumere alla Soprintendenza archeologica di Napoli con delega su Ischia e diede inizio a degli scavi, prima sulla collina del Castiglione, poi nella valle di san Montano a Lacco Ameno, che portarono al ritrovamento della necropoli greca utilizzata dall'VIII secolo a.C. fino all'età romana. Furono rinvenuti centinaia di reperti e monili (vasi, piccole sculture di terracotta, brocche e coppe, scarabei egizi, lingotti di piombo, attrezzatura da pesca, pesi per telaio, strumenti da lavoro) e, soprattutto, la coppa di Nestore, custodita in una ricca tomba a cremazione, portata alla luce e ricomposta dallo stesso Buchner pezzo per pezzo: Si tratta di una kotyle alta una decina di centimetri e datata al 725 a.C.

Il Museo dell'Isola d'Ischia

Nel 1947 Buchner e il vulcanologo Alfred Rittman crearono un museo, chiamato Museo dell'Isola d'Ischia, che più tardi sarebbe confluito, assieme ai reperti rinvenuti negli scavi successivi, nel Museo Archeologico di Pithecusae. Il museo fu inaugurato ufficialmente il 17 aprile 1999 alla presenza di studiosi di primo piano come sir John Boardman, illustre professore ad Oxford, il conservatore capo del Museo del Louvre, Alain Pasquier; il direttore del Pergamon Museum di Berlino, Wolf Dieter Helmeyer; Gloria Olcese, ricercatrice presso il museo berlinese; Yoannis Tzedakis, direttore generale del Ministero della Cultura della Repubblica Greca; Paul Zanker, decano degli studi sulla Magna Grecia dell'Università di Milano; l'esperto di storia antica Piero Orlandini, l'insigne grecista Marcello Gigante, l'archeologo e storico dell'arte Fausto Zevi dell'Università di Roma.

Condividi