L'isola d'Ischia

L'isola d'Ischia

Passammo un lungo mese d´estate a Ischia - non come invalidi in cerca dei bagni termali (per i quali, dalla lontana antichità, l´isola è stata famosa), ma per il puro godimento della sua bellezza, di un genere più selvaggio e meno popolato di qualsiasi altro posto di Napoli, e molto meno visitato. è una vera distesa di vigneti lungo i quali i caprai guidano le loro timide bestie, mentre all´ombra tremolante siedono persone e piegano lunghe corde di paglia colorata da mattina a sera. Prima di venire ad Ischia non sapevo che le viti sono capaci di profumare l´aria con una fragranza così genuina. Nascono qui grappoli d´uva di un profondo rosso (o nero, come si dice), che producono un vino così blu scuro che si usa principalmente come colorante per altri vini, trovando, perciò, un mercato molto attivo. Il succo non fermentato è così corposo e ricco di tannino che è anche possibile usarlo come inchiostro. L´isola è coperta più o meno interamente di questi bei vigneti, pallidi all´inizio della primavera, ma neri con pesanti grappoli prima della vendemmia; e sotto le loro foglie la solita via, dove i forestieri sono liberi di passeggiare, con delizia a contatto con la natura che il contadino probabilmente non ha mai conosciuto. La tragedia di un quarto di secolo fa impoverì Ischia, ma l´ha salvata dall´innovativo deturpamento della vita moderna. Di quale altro luogo intorno alla costa si può dire giustamente che un edificio è appena sgradevole - che nessun orrendo albergo sta come un genere di eliografo per affascinare tutti gli occhi? Di Ischia questo può essere detto in tutta verità. L´isola è completamente ed eccezionalmente bella - un posto per fermarsi con delizia ed andare via con rammarico. Passeggiate al di fuori delle piste battute non sono così facile da trovare intorno a Napoli come si potrebbe immaginare. A Capri potete andare su e giù per la collina. A Sorrento la mancanza di passeggiate è proverbiale. Ad Amalfi centinaia di ripidi passi montani devono essere affrontati prima di poter trovare un tratto per passeggiare. Ma ad Ischia non solo può farsi l´ascesa all´Epomeo, ma anche i poderi e i boschi che rivestono i fianchi della grande montagna sono luoghi di ritrovo ottimi per il viandante; non ci sono salite difficili o faticose che richiedano un abbigliamento teutonico con cappello alpino e pesante bastone, che sembra che occorrano per molte semplici passeggiate a Capri; piuttosto si tratta di piccoli percorsi di paese sotto gli olivi e gli alberi di quercia, dove non passa nessuno, tranne i boscaioli che sistemano rami abbattuti da sporgenza a sporgenza, o una donna che canta da sola e un bambino che come lei procede leggermente a piedi nudi. Se seguiamo i vigneti sui pendii della montagna, vediamo caverne che sono scavate profondamente nella roccia, freschi cellai per il vino che erano un tempo in uso in molte parti viticole d´Italia, sebbene questa abitudine sia pressoché scomparsa. Qua e là in zone coperte da eccessiva vegetazione incontriamo percorsi aggrovigliati di more come in un sentiero inglese; ma nessuno le coglie. Se i greci nei secoli passati le consideravano come un farmaco per alcuni dei loro disturbi, il contadino italiano oggi le disprezza assolutamente.

Da: Ischia e Capri dipinte da Augustine Fitzgerald descritte da Sybil Fitzgerald

[Imagaenaria Editore]

Condividi



Articoli Correlati

  1. Isole d'estate Ischia e Ponza -  Ischia

    Nonostante non appaiono sulle carte nautiche , nel Mediterraneo devono esserci delle correnti marine che si spingono verso le coste della Campania.

  2. Ischia guida essenziale

    Ischia ha origine vulcanica e la sua formazione risale a circa 150.000 anni fa; copre una superficie di 46,3 kmq.

  3. Ischia Natura, cultura e storia - Conformazione Geofisica

    Caratteristica saliente dellŽisola dŽIschia è senza dubbio la singolare varietà del paesaggio, estremamente movimentato e ricco di contrasti.

  4. A Ischia cercando Luchino Visconti

    AllŽinizio degli anni Ž50. Ischia vide approdare sul suo suolo numerosi personaggi: dai tycoons mediatici, ad imprenditori e speculatori edili.

  5. La Bella Ischia

    Imbarcatosi sul grande piroscafo a elica Principe di Napoli, in un pomeriggio di maggio Alexander Olinda inizia unŽescursione a Procida ed Ischia.

  6. Il Castello d'Ischia

    Questo colossale masso, che ergesi dal mare per circa 113 metri di altezza, fu il nucleo primo dello sviluppo etnico dellŽisola tutta.

  7. La Festa Delle Barche di Sant'Anna

    LŽappuntamento festivo del 26 luglio ha subito diverse denominazioni e definizioni: Sagra marinara, Festa di SantŽAnna, Festa delle barche addobbate.

  8. Ischia e gli Ischitani

    Quanto più ci si avvicina ad Ischia, tanto più ci si rende conto che lŽisola appartiene a quel tipo di bellezza che abbaglia non solo da lontano.

  9. In giro per Ischia Boschi, borghi, spiagge, sentieri

    Alla fine del suo percorso tortuoso e panoramico lŽautobus mi lascia nella piazzetta di Campagnano, davanti alla chiesetta dellŽAnnunziata.

  10. Un irresistibile soffio di luce  Artisti a Ischia

    NellŽOttocento Casamicciola era la stazione termale più importante dellŽepoca. Un poŽ da tutta Europa, ma soprattutto da Francia e Germania.