Le Tradizioni dell'isola d'Ischia

Le Tradizioni dell'isola d'Ischia

Dove si incontrano mare e terra nascono armonie di sapori e colori indimenticabili. Pomodori, limoni, melenzane, basilico, trionfano sulle tavole ischitane. Accompagnano il pesce fresco comprato poco dopo l'alba sulla "paranza". Limoni e rucola danno vita a liquori dolci o pungenti come il limoncello ed il rucolino. "Chi beve da questa coppa sarà preso dal desiderio di Afrodite" così recita il verso inciso sulla famosa coppa di Nestore. Infatti in questa terra assolata e vulcanica le viti fruttificano magnificamente. "Biancolella", "Per 'e palummo", "Forastera" tra i migliori vini locali prodotti da prestigiose case vinicole isolane, aziende "familiari" di antica tradizione. Cantine aperte al pubblico con la possibilità di degustare i vini autoctoni, magari abbinandoli ai cibi semplici di una volta: il coniglio di fossa cucinato alla cacciatora, la bruschetta col pane cotto nel forno a legna o le tante prelibatezze che la cucina ischitana offe.

Fonte - Comtur [Island of Naples]

Condividi



Articoli Correlati

  1. L'artigianato ischitano

    Una tradizione artigianale, una volta largamente diffusa tra le donne dell'isola è quella della lavorazione della rafia.

  2. La lavorazione della ràfia nell'isola d'Ischia

    Sono tanti i materiali di origine vegetale che si prestano all'intreccio:la natura li offre e l'uomo fin dagli albori della civiltà li utilizza.

  3. Tradizioni dell'isola d'Ischia - L'arte dell'intreccio

    L'arte dell'intreccio ha antiche origini e tuttora riveste un ruolo importante nella tradizione popolare di diverse comunità.