Giovanni Di Costanzo

Giovanni Di Costanzo

La libertà di espressione è totale, si riprende in autoritratti grotteschi, melanconici, allegri, sornioni. Riprende quelli che gli stanno intorno in ritratti dove predomina un senso di solitudine, di panico, qualche volta di disperazione, raramente di buonumore. I suoi paesaggi d'Ischia rimarranno fra i più freschi ed immediati di quanti sono stati realizzati. I pleniluni, i meriggi infuocati, le barche alla fonda, le nature morte hanno l'intensità, l'immediatezza, la sensualità dei versi di Saffo. Le sue piazze d'Ischia, i suoi Castelli dimostrano che ha assimilato bene la lezione dei metafisici, dei cubisti e dei surrealisti. Mi è difficile parlare di tutta la infinita tematica del Di Costanzo, dato il numero rilevantissimo di tele e di disegni ammucchiati nella sua casa e finora mai esposti al pubblico. Per esempio andrebbe fatta una mostra tematica solo per gli animali da lui dipinti, cani, gatti, farfalle, pipistrelli, vacche, pecore, asini, cavalli e via dicendo, tutti sullo sfondo di paesaggi o con figure. (?). Una cosa mi sento di dire fin d'ora, che non rni sembra esagerato accostarlo, per la sua forza espressiva, per la potenza del disegno, per la varietà e vastità dei suoi interessi, per la prodigiosa tavolozza, ad uno dei maggiori pittori italiani viventi, a Renato Guttuso, senza i furori polemici e dialettici di quest'ultimo. Si vede che hanno percorso le stesse strade con risultati per tanti versi simili, con prevalenza dell'edonismo in Di Costanzo e dell'impegno civile e politico in Guttuso" (Michele Longobardo).

La Rassegna di Ischia - www.larassegnadischia.it

Condividi



Articoli Correlati

  1. Aniellantonio Mascolo

    Nell'essenzialità del racconto, nella funzionalità delle linee, la produzione di Aniellantonio Mascolo.

  2. Vincenzo Funiciello

    Il segno distintivo dell'arte di Funiciello è un vivacissimo ed espressivo splendore dei colori.

  3. Gabriele Mattera

    Naturalistici, per così dire, e tuttavia gravidi di allusioni, di corrispondenze profonde.

  4. Giovanni De Angelis

    Le anime che pulsano nel marmo di De Angelis vivono di infinita armonia e rispettosa intimità.

  5. Aldo Pagliacci

    La sua pittura è spesso provocatoria, sfiora la satira. La descrizione è precisa, meticolosa, senza trascurare i particolari nel disegno.

  6. Luigi De Angelis

    La vitalità formale dei quadri migliori di De Angelis è proprio nel drammatico enuclearsi di un linguaggio che tende a farsi formalmente compiuto.

  7. Mariolino Capuano

    Nei primi anni '80, Mariolino Capuano riprende a disegnare con l'inchiostro di china.

  8. Luigi Coppa

    A Forio vive e lavora in solitudine (ma con gli occhi aperti su tutto quel che succede) il pittore Gino Coppa.

  9. Vincenzo Colucci

    La pittura di Vincenzo Colucci può dirsi quasi sempre improntata con naturali attitudini a concelti di serietà.

  10. Raffaele Di Meglio

    Raffaele Di Meglio dipinge e scolpisce come uno Zarathustra fuori tempo, un Gesù in ritardo, un Messia senza udienza.