Cinema Delle Vittorie

Corso Umberto 1, 80075 Forio (NA) | Tel. 081-997487

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar


Dal: 22/06/2017 - Al: 26/06/2017 Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Spettacolo ore: 22:00

Per liberare Will dalla sua maledizione, il figlio Henry ha una sola possibilità: recuperare il Tridente di Poseidone. Per farlo ha bisogno del pirata Jack Sparrow e di Carina Smyth, una astronoma orfana, accusata di stregoneria. Ma per arrivare al Tridente dovranno trovare il modo di sfuggire al terribile capitano Salazar, detto El Matador del Mar, ridotto a un morto vivente in cerca di vendetta.
C'era una volta un videogame di nome "The Secret of Monkey Island": un'avventura intrisa di humour e di enigmi da risolvere, ambientata tra pirati strampalati e poco credibili, in cui si sono identificati i nerd di tutto il mondo. È anche a questo videogioco che si devono l'esistenza e il successo planetario di I pirati dei caraibi, saga costruita su un trio di star - Johnny Depp, Orlando Bloom, Keira Knightley - e divenuta poi appannaggio di un unico mattatore, il pirata ubriacone e sciupafemmine Jack Sparrow.

Depp costruì sulle fattezze e le movenze di Keith Richards il personaggio principale della saga, divenuto anche l'unica ragione di esistenza della stessa, all'alba del quinto episodio. Will e Elizabeth, ossia Bloom e Knightley, si sono ormai fatti da parte e, ne La vendetta di Salazar, regalano solo un fugace cameo.

Il proscenio è interamente di Sparrow e del suo nuovo arcinemico Salazar, terrore dei pirati passato a miglior (non-)vita nel Triangolo del Diavolo. Protagonista è una maledizione, anzi più di una, e una coppia di giovani, sempre più romanticamente attratti l'uno dall'altra. In sostanza il soggetto è il medesimo del capostipite della saga (con aggiunta di un sottotema di paternità misteriosa), di cui La vendetta di Salazar costituisce una sorta di remake. Il compito di unire generazioni differenti di attori e mescolare tempi comici ed esigenze action tocca alla presenza immutabile di Johnny Depp aka Jack Sparrow. Talmente immutabile e impervio all'invecchiamento, da ricorrere in maniera massiccia alla computer graphics quando il make-up non è più sufficiente. Durante un flashback sul giovane Sparrow, dove un tempo si sarebbe ricorsi a degli escamotage o a un altro attore, il volto del giovane Depp viene ricostruito al computer, in una mimesi inquietante.
Forse la più lunga sequenza di ricostruzione digitale del volto di un attore vista sin qui, secondo un'abitudine invalsa sempre più nell'uso dopo gli esempi (anche postumi) di Fast and Furious 7 e Star Wars: Rogue One. In questo abuso di CGI vive forse una metafora di ciò che oggi rappresenta il rapporto tra blockbuster e pubblico: finché quest'ultimo sembra accontentarsi delle medesime storie, anzi richiederle con feticistico culto della singola sequenza, ecco che queste vengono riproposte sotto forma di remake. Ma se prima erano le storie ad essere clonate ora lo sono anche i volti, artificialmente preservati. Il ragionamento dal punto di vista del business è chiaro - risparmiando con il "riuso" e investendo su qualcosa di certo, minimizzando il rischio - ma sta a noi (forse) opporsi e pretendere di più. Al netto di rami di sceneggiatura atrofizzati o scarsamente sviluppati e di alcuni dubbi morali (quando l'atteggiamento lubrico di Sparrow verso ragazze sempre più giovani comincerà ad apparire sconveniente?), infatti, La vendetta di Salazar funziona, complice un valido villain (Javier Bardem) sorretto da notevoli effetti speciali. Ma la sensazione di essere considerati alla stregua di automi poco esigenti è difficile da allontanare e aleggia fino all'immancabile (e immancabilmente superfluo) controfinale dopo i titoli di coda. Cameo di Paul McCartney nei panni dello zio pirata di Jack Sparrow.

Fonte - MyMovies



Cine Teatro Excelsior

Via F. Sogliuzzo 20, 80077 Ischia (NA) | Tel. 081-3331098

Transformers - L'ultimo cavaliere


Dal: 22/06/2017 - Al: 26/06/2017 Transformers - L'ultimo cavaliere

Spettacoli ore: 19:30 - 22:00

Doveva essere il secondo capitolo di una nuova trilogia, diretto da un regista che non fosse Michael Bay, ma non sarà così. Bay è ancora in sella e il numero 5 è sparito dal titolo, per lasciare spazio a un laconico L'ultimo cavaliere. Il trailer, circolato in dicembre e riproposto in una versione lievemente più lunga in occasione del Superbowl, lancia suggestioni ambigue e confonde le idee ulteriormente. Cosa succederà agli Autobot? Perché Optimus Prime e Bumblebee si scontrano in un duello che ha tutta l'aria di essere all'ultimo sangue? Che fine ha fatto Megatron in tutto questo? Domande destinate a rimanere senza risposta sino a luglio 2017 e su cui i fan già si stanno interrogando.

Lo staff di creativi che ha lavorato sotto la direzione di Michael Bay - da Akiva Goldsman (A Beautiful Mind), autore del soggetto, a Art Marcum (Iron Man), Matt Holloway (Iron Man) e Ken Nolan (Black Hawk Down), che hanno realizzato lo script - è riuscito nuovamente a rimescolare le carte e a servire un asso pigliatutto: Transformers - L'ultimo cavaliere pare già ammantato da toni apocalittici e più spettacolare di tutto ciò che è venuto prima.

Quel che è certo è che teatro delle azioni sarà la vecchia Europa e in particolare il Regno Unito, dove forse si cela una spada destinata a giocare un ruolo fondamentale e dove di certo ha sede il cerchio di pietre di Stonehenge, luogo-cardine di questo quinto capitolo della saga.
Pare impossibile che Optimus Prime divenga un nemico dell'umanità. Eppure il duello con Bumblebee, che si sacrifica in difesa di Cade Yeager (nuovamente interpretato da Mark Wahlberg), lascia poco spazio ad altre interpretazioni. L'idea di fondo è che non ci sia più posto per uomini e Transformers nello stesso universo e che il Creatore dei Prime (il misterioso "Maker") c'entri qualcosa in tutto questo; probabilmente ha impartito delle nuove direttive, forse le stesse seguite dal cacciatore di taglie Lockdown in Transformers 4 - L'era dell'estinzione.

Fonte - MyMovies